• Giorno 4 Palenque - Chiapas -

    Giorno 4 Palenque – Chiapas –

    Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con mia moglie, il post di oggi vi racconta il Giorno 4 durante il quale...

  • VIAGGIO IN MESSICO E CUBA – GIORNO 3 UXMAL E CAMPECHE

    Viaggio in Messico e Cuba – Giorno 3 Uxmal e Campeche

    Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con mia moglie, il post di oggi vi racconta il Giorno 3 durante il quale...

  • Giorno 1 Cancun e giorno 2 Chichen Itza e Merida

    Viaggio in Messico e Cuba – Giorno 1 Cancun e giorno 2 Chichen Itza e Merida

    Scegliere una meta per il viaggio di nozze non è mai semplice, soprattutto se devi partire ad agosto e non hai un budget illimitato. Io e mia...

  • Vincitore assoluto FIOF Awards 2007 per la Fotografia Commerciale

    Vincitore assoluto FIOF Awards 2017 per la Fotografia Commerciale

    Sono orgoglioso di condividere con voi la mia recentissima vittoria come Vincitore assoluto FIOF Awards 2017 per la Fotografia Commerciale. Il concorso fotografico FIOF è uno dei concorsi...

  • intervista-prontopro4

    Intervista su ProntoPro

    ProntoPro, il portale di incontro domanda-offerta più importante in Italia, mi ha contattato per raccontare la mia storia professionale. Ne è nata un’intervista nella quale racconto di...

  • ho fotografato il matrimonio della mia ex

    Il matrimonio della mia ex

    Ebbene sì, sono stato il fotografo del matrimonio della mia ex. Daniela, appunto, è stata la mia fidanzata quasi venti anni fa, e da allora siamo rimasti ottimi...

  • Una sfilata di piatti

    Una sfilata di piatti

    Quando Firriato mi ha chiesto di fotografare le composizioni di Gaetano Basiricò (chef della loro struttura Baglio Soria) rimasi interdetto per il numero di piatti che volevano che fotografassi:...

  • Calamoni

    Calamoni

    Qui vi presento la terza e ultima struttura della azienda vitivinicola Firriato. Si tratta di Calamoni, le case vacanze nell’isola di Favignana, appartamenti e villa all’interno dell’unico vigneto...

  • Cavanera Etnea

    Cavanera Etnea

    Ecco un’altra delle tre strutture ricettive dell’azienda viti-vinicola Firriato  che sono al centro della nuova strategia aziendale di cui vi ho raccontato nel precedente post. Oggi vi...

  • Baglio Soria

    Baglio Soria

    Firriato è una casa vinicola siciliana che riesce ad unire la tradizione alla modernità. Si tratta di un’azienda che produce un vino di qualità che sta ricevendo diversi...

  • Emanuele e Federica

    Emanuele e Federica

    Sono due persone deliziose, e hanno voluto me come fotografo per le loro nozze prenotandomi ben due anni prima. Emanuele e Federica erano invitati in un altro matrimonio...

  • Sealine Beach Resort

    Sealine Beach Resort

    Come promesso pubblico finalmente le fotografie del servizio fotografico commissionatomi da Katara Hospitality. L’incarico era di realizzare degli scatti in giro per Doha come brand photography (qui...

  • Doha

    Doha

    La Katara Hospitality, gruppo leader in Qatar nel settore alberghiero, mi ha incaricato di fotografare una loro struttura, più qualche altra camera modello, mi ha chiesto inoltre degli...

  • Royal Garden Hotel

    Royal Garden Hotel

    Il Royal Garden Hotel di Milano è l’albergo più imponente del Gruppo Monrif, una struttura 4 stelle superiore vicinissima al Forum di Assago e che associa l’arredamento classico al...

  • Room Breakfast Zero

    Room Breakfast Zero

    Approfitto di 10 minuti liberi per aggiornare il mio blog con un servizio che da tempo aspetta in fila di essere pubblicato (di tempo libero ultimamente ne...

  • Aloe arborescens

    Aloe

    Il lavoro spesso non mi lascia il tempo necessario per curare il mio blog e così sono tanti i servizi fotografici che aspettano di venire pubblicati qui....

  • Panormus

    Panormus

    Panormus è il nome con il quale i romani chiamarono Palermo mutuando la parola dal toponimo Panormos che, a loro volta, i greci avevano dato alla città siciliana. La parola deriva...

  • Hotel Internazionale

    Hotel Internazionale

    L’hotel Internazionale è un albergo 4 stelle nel cuore di Bologna, si trova in via Indipendenza e questo significa a pochi passi della zona pedonale e vicinissimo alla stazione....

  • Vanity SPA

    Vanity Spa

      Vanity SPA è un centro benessere che si trova a Balestrate, in provincia di Trapani. E’ il luogo perfetto se volete curare il vostro corpo e...

  • Potatura

    Potatura

    Alcuni giorni fa Firriato mi ha chiesto di recarmi presso i loro vigneti sull’Etna per fotografare la potatura. L’idea mi è subito piaciuta perché mio padre, di famiglia...

Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con mia moglie, il post di oggi vi racconta il Giorno 4 durante il quale abbiamo visitato il sito archeologico di Palenque nello stato messicano del Chiapas.

Se sei una appassionato/a di viaggi e vuoi conoscere tutti i dettagli organizzativi e/o se ami la fotografia e vuoi avere informazioni tecniche vai al giorno 1 e 2 del viaggio, all’inizio del post c’è una premessa che fa per te.

 

 

Giorno 4 Palenque – Chiapas –

Ci svegliamo molto presto, ci attende un viaggio di ben 362km oggi e, soprattutto, siamo molto eccitati all’idea che finalmente entreremo nel Chiapas, luogo dove la natura esprime tutta la sua forza primordiale con la giungla tropicale.

Saliamo sulla monovolume a 9 posti con cui stiamo attraversando il Messico sud-occidentale e ci dirigiamo verso Palenque. Tiro fuori la mia CANON PowerShot G7 X Mark II (per maggiori dettagli tecnico-fotografici e la mia impressione sulla macchina fotografica vedi il post del giorno 1 e 2 del viaggio) e blocco alcuni istanti del lungo tragitto che mi mostra soprattutto il volto più vero del Messico costituito dal popolo delle campagne e dei villaggi che attraversiamo.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1191_1 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1209 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1309_1-Edit antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1365 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1367_1Durante il viaggio facciamo sosta presso un negozietto che funge da area di servizio. All’angolo dell’ingresso noto un curioso altarino con candela. Chiedo alla nostra guida di cosa si tratta, e Victor ci spiega che è l’effigie di un famoso bandito messicano rimasto nei cuori della gente comune. Sotto la statua c’è una candela che rimane sempre accesa e un barattolo per le offerte.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1396_1Mi colpiscono molto i volti delle due donne al bancone, soprattutto quello della signora più grande.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1390_1

Marilena, su consiglio di Victor, compra una gomma da masticare del tutto naturale. La prima chewing-gum è infatti stata realizzata dai Maya, e questa che assaggiamo è la discendente di quell’antenata di tanti secoli fa, e come quella è prodotta per il 100% da elementi vegetali che la rendono totalmente biodegradabile. Mari ne offre una anche a me, sono curioso e l’assaggio anche se non amo le gomme: è totalmente insapore, dà solo l’esperienza della masticazione. Dopo pochi secondi la sputiamo un po’ delusi, ma almeno abbiamo il piacere di sapere che non stiamo contribuendo all’inquinamento.

Ci rimettiamo in viaggio e continuo a puntare il mio obiettivo sui messicani e i loro momenti di vita quotidiani.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1441 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1456 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1471 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1477-Edit antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1484_1 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1495_1

Arriviamo finalmente al sito archeologico di Palenque.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1509

Ci troviamo ai bordi della giungla ed è una goduria per gli occhi vedere queste antiche costruzioni immerse nel verde rigoglioso della foresta tropicale.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1520 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1533_1 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1523

C’è un curioso viavai di venditori che trasportano grandi sacchi di mercanzia usando la forza del collo.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1534_1Victor ci spiega con dovizia di dettagli e con il suo ottimo italiano ogni curiosità sull’architettura e cultura Maya.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1538_1

Il luogo è davvero incantevole.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1537_1 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1539 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1543_1 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1545_1 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1546_1

Il caldo è asfissiante, l’umidità non lascia respirare, Marilena non se la sente di salire con me sul più alto degli edifici e si accontenta di salire sulla struttura mediana. Io non voglio rinunciare a salire sulla vetta più alta e mi arrampico su gradoni vecchi di circa 1500 anni.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1547_1La gradinata è fortemente irregolare e l’umidità rende l’ossigenazione molto difficile. Arrivo in cima con un fiatone pesantissimo ma, come ogni cosa conquistata con grande sforzo, la soddisfazione è grande, e l’angolo visuale che la somma mi regala sulle antiche costruzioni è stupenda.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1552 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1554 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1555_1 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1556_1 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1571_1 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1572_1In cima trovo un affresco in ottimo stato.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1565_1Prima di scendere non resisto alla voglia di immortalarmi con questa splendida vista e cedo al potere del selfie.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1558_1Anche dal basso il sito è affascinante.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1579_1 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1595

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1573_1Poggiata su uno degli antichi edifici vi è una misteriosa figura di bianco vestita, si tratta sicuramente di una turista, ma si adatta perfettamente alla magia del luogo.

www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1592_1-Editrights reserved antoniopistillo.itTorniamo in albergo sfiniti ma con gli occhi pieni di bellezza, ci godiamo la piscina dell’albergo circondati dal colore e dai suoni della foresta riposandoci per il giorno dopo. Domani percorreremo la giungla per molti chilometri e con una motolancia navigheremo il fiume Usumacinta fino alla frontiera con il Guatemala.

Non vediamo l’ora che sia domani.

 

Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con mia moglie, il post di oggi vi racconta il Giorno 3 durante il quale abbiamo visitato il sito archeologico Uxmal e lo stato messicano di Campeche e la sua capitale, Campeche City.

Se sei una appassionato/a di viaggi e vuoi conoscere tutti i dettagli organizzativi e/o se ami la fotografia e vuoi avere informazioni tecniche vai al giorno 1 e 2 del viaggio, all’inizio del post c’è una premessa che fa per te.

Viaggio in Messico e Cuba – Giorno 3 Uxmal e Campeche

Ci svegliamo presto e, con la nostra guida e gli altri 4 compagni di viaggio, partiamo per Uxmal e le rovine dell’antica città Maya.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0801Durante il viaggio ci fermiamo per una pausa. Vado in bagno e, oltre a venir colpito dal pessimo stato di igiene e dal puzzo insopportabile, vengo incuriosito dagli strani lavandini in marmo che, invece di essere concavi (come tutti immaginiamo un tipico lavabo), sono piatti e a livello dei rubinetti, sembra quasi una sorta di scherzo. Ci metto un po’ a capire che l’acqua scorre via per la leggera pendenza verso una fessura.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0817_1Uxmal è un sito archeologico tenuto in ottimo stato, la città mostra un’architettura che sorprende per la precisione e perfezione con la quale le pietre sono state livellate per le costruzioni.

www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0845antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0832 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0860Victor, la nostra guida, ci racconta con dovizia di dettagli l’architettura Maya e la loro cultura, è molto appassionato durante le sue spiegazioni e ascoltarlo è davvero molto interessante.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0835Un iguana ci osserva fermo tra le rovine della città.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0851_1Il caldo è insopportabile, l’umidità rende difficile la respirazione, e anche se Marilena non è in piena forma a causa della temperatura, riesco a convincerla a posare per uno scatto.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0849Salgo su una gradinata infinita che mi toglie il poco fiato che l’umidità mi consente di avere, ma da sopra godo di una meravigliosa vista sul sito archeologico e sulla natura lussureggiante che lo circonda. Una turista ne approfitta per un selfie.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0882_1Gli iguana sono gli imperturbabili guardiani millenari del luogo.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0876Finita la visita ci mettiamo in macchina per raggiungere la città di Campeche. Il tempo atmosferico ci ricorda che siamo ad agosto e si scatena un pesantissima pioggia durante il tragitto.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0945_1

La pioggia non dura molto e smette mentre stiamo entrando in città.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1009

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1022

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1039_1 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1096_1 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1164_1-Edit

Il cielo però non promette nulla di buono.

www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1003

Scendiamo dall’auto per una velocissima passeggiata nel centro prima che riprenda a piovere. Vogliamo vedere almeno la Città Antica che ha muraglie fortificate e torri che furono erette per difenderla dai pirati. L’architettura è coloniale e molte case patrizie sono ben conservate. Purtroppo non appena scendiamo dalla macchina la pioggia ricomincia e riusciamo solo a correre verso l’auto di Victor che, nel frattempo, ha fatto il giro per venirci a prendere dall’altra parte delle mura. Arriviamo completamente inzuppati.

Riesco a fare solo qualche scatto dalla macchina mentre fuori piove copiosamente.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1063 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1067_1 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_1072

Piove tutto il giorno. In serata andiamo mangiare in un ristorantino tipico insieme ai nostri compagni di viaggio, il cibo non è il massimo ma la compagnia è buona e comunque siamo in Messico in vacanza e va benissimo così.

Domani ci aspetta una traversata di quasi 400km per andare a Palenque, finalmente saremo nel Chiapas e non vediamo l’ora di trovarci nel Messico più profondo dove la natura è la padrona assoluta.

 

P.S.

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e/o metti un ‘like’ sui social e condividilo affinché anche gli altri possano leggerlo, grazie.

Scegliere una meta per il viaggio di nozze non è mai semplice, soprattutto se devi partire ad agosto e non hai un budget illimitato. Io e mia moglie volevamo entrambi fare una lunga vacanza che fosse rilassante e lussuosa come un viaggio di luna di miele comanda, ma anche naturalistica e on the road… per la verità l’ingrediente ‘on the road‘ era più una mia esigenza, visto che normalmente le mie vacanze sono all’insegna dell’avventura e dell’improvvisazione. Ma quale destinazione scegliere? Da tempo il mio sogno era visitare l’Avana, soprattutto prima che cambiasse troppo a seguito della fine dell’embargo americano e il polso fermo sul comunismo tenuto da Fidel Castro che, sebbene già malato, era ancora vivo. A mia moglie Marilena piaceva l’idea della natura lussureggiante del Chiapas e alla fine, sebbene agosto non è il periodo migliore per visitare il centro America (ma in realtà non lo è per visitare tanti altri luoghi esotici), abbiamo scelto un viaggio che coprisse sia il Messico sia Cuba. Il punto di incontro tra le esigenze mie e di mia moglie è stata questa vacanza di 21 giorni totali (comprensivi di viaggio) di cui 12 giorni in Messico (con un tour della parte occidentale e 4 giorni in resort di lusso in Playa del Carmen), e 8 giorni a Cuba (durante i quali siamo stati all’Avana, Cienfuegos e Trinidad e per 2 giornate in un resort a Varadero).

 

Dettagli per chi ama organizzare i viaggi da sé 

Il Messico non è certamente uno dei posti più tranquilli al mondo da girare in autonomia, spesso si sente parlare di casi di corruzione di poliziotti e di episodi non rari di banditos che fermano le macchine dei turisti per spillargli soldi. Probabilmente la realtà è un po’ diversa e questi casi non sono poi così frequenti ma, trattandosi in questo caso di una luna di miele, volevo che tutto scorresse liscio come l’olio. Non volevo correre alcun rischio e ho quindi deciso di acquistare un pacchetto con guida turistica che mi permettesse di girare il Messico con maggiore tranquillità.

Cuba invece è sicuramente un luogo molto sicuro, e per visitare l’isola Cubana ho deciso di muovermi utilizzando autobus locali e di pernottare principalmente in case particular, così ho potuto, almeno in questa parte della vacanza, girare in maniera più simile al mio consueto modo autonomo di viaggiare.

Questi sono stati con più precisione i luoghi del viaggio e tutti i dettagli organizzativi:

2 notti a Cancun presso la struttura Mexicasa (un delizioso alberghetto prenotato online che ti dà l’impressione di stare a casa, con piscina e prezzo competitivo), più che altro in attesa dell’inizio del tour;

7 giorni in Messico con un il tour “Terra Maya” organizzato da VersisAmerica (agenzia che ho contattato senza intermediazioni e che organizza direttamente sul territorio dei tour ben strutturati a prezzi molto vantaggiosi), una settimana di viaggio molto serrato durante il quale abbiamo visitato lo Yucatan, Campeche, e il Chiapas;

4 giorni di super extra lusso in Playa del Carmen presso la struttura 80 stelle Valentin Imperial Maya (avevo fatto in passato dei servizi fotografici di alberghi ad uno dei manager di questa struttura che, per il mio matrimonio, ha voluto farmi questo super sconto che è stato un vero e proprio regalo di nozze). Un resort senza bambini, con una clientela quasi esclusivamente statunitense, con 7 ristoranti, zona vip (nella quale siamo stati promossi) con piscina esclusiva e zona spiaggia riservata, e tutto il lusso che potete immaginarvi.

8 giorni a Cuba, con 6 pernottamenti presso case particular (Avana, Cienfuegos e Trinidad) contattate grazie al servizio di Case Cuba (servizio che vi rende molto semplice trovare delle case a Cuba con la formula B&B e che vi dà una buona assistenza telefonica sul posto) durante i quali abbiamo visto Avana, Cienfuegos e Trinidad viaggiando con autobus locali Viazul i cui biglietti ho acquistato direttamente online, e 2 giorni presso un altro resort 5 stelle a Varadero, il Paradisus Princesa Del Mar Varadero, prenotato direttamente in loco tramite un’agenzia viaggi all’Avana.

Ho volato con la compagnia tedesca  Condor Airlines sia per l’andata da Francoforte a Cancun, sia per il ritorno dall’Avana a Monaco. Volo molto economico rispetto agli altri, con qualità dell’esperienza nella media, trovato online tramite il sito Skyscanner. Per il volo dal Messico a Cuba ho prenotato, sempre tramite internet, un passaggio aereo super economico e dalla qualità discreta con la compagnia aerea messicana Interjet Airlines.

Contrariamente ad altri miei viaggi da scapolone incosciente, questa volta ho comprato un’assicurazione per me e mia moglie per la copertura di tutta la vacanza (il matrimonio fa mettere senno). Anche questa acquistata online da Axa Assistance, prezzo molto competitivo e con diversi servizi. Fortunatamente non ho avuto nessun contrattempo e non so dirvi della reale efficacia e qualità del servizio… meglio così.

Per quanto riguarda il visto turistico per Cuba me lo sono procurato direttamente all’aeroporto di Cancun tramite la stessa compagnia aerea Interjet Airlines. Se invece volete volare direttamente a Cuba potete acquistare la tassa d’ingresso a €25 presso la Pampero Viaggi, agenzia online che in un primo momento avevo contattato per il visto (non sapendo che avrei potuto acquistarlo direttamente a Cancun). Mirella Zani, direttore tecnico dell’agenzia, è stata così gentile da spiegarmi che potevo procurarmi il permesso per entrare a Cuba direttamente in aeroporto senza bisogno di acquistarlo da loro. Avrebbe potuto anche non darmi questa informazione e vendermi comunque il loro servizio, ho quindi apprezzato molto la loro serietà e assistenza e pertanto ve li suggerisco (inoltre dal sito dell’agenzia potete scegliere tanti altri servizi per organizzare, tramite loro, la vostra vacanza cubana).

Organizzare ogni cosa dall’Italia mi ha impegnato parecchio tempo e, soprattutto, mi ha comportato un bel po’ di stress e tanta paura di sbagliare qualcosa per poi scoprirlo troppo tardi nel bel mezzo del viaggio. E’ anche vero che mi ha dato una certa soddisfazione riuscirci senza commettere alcun errore e, cosa non da poco, mi ha anche permesso di risparmiare circa il 35% sui preventivi che mi avevano fatto delle agenzie viaggi italiane a cui mi ero rivolto, quindi si tratta di un bel risparmio di migliaia di euro. Se non siete come me dei tipi a cui piace cimentarvi in cose nuove e abbracciare nuove sfide, ma soprattutto, se la priorità per voi non è risparmiare migliaia di euro ma essere serviti, sereni e comodi, allora rivolgetevi a dei professionisti che vi danno pacchetto completo senza sbattimenti e un set di valigie in omaggio. Se invece, come immagino, visto che state leggendo questo paragrafo, amate il Do It Yourself, vi ho dato tutti i link giusti per organizzare un meraviglioso viaggio in Messico e Cuba risparmiando abbastanza da comprarvi l’equivalente di 50 set di valigie. Oggi poi, a differenza di 2 anni fa, prenotare delle strutture su Cuba è ancora più semplice grazie alla maggiore apertura del governo nei confronti di internet (dopo la morte di Fidel Castro) e la libera impresa.

 

Dettagli tecnici per gli appassionati di fotografia

Trattandosi di un viaggio di nozze, e non di un viaggio fotografico, ho deciso di limitare l’attrezzatura fotografica al super minimo, l’intenzione infatti era principalmente di fare una vacanza indimenticabile con mia moglie e non di passare ore e ore a fotografare e poi la sera a postprodurre le foto e a scrivere per il blog (se così avessi fatto sarebbe stato un matrimonio flash… giusto per restare in tema). Certo, da un punto di vista fotografico, con la mia solita attrezzatura e la giusta dedizione sul campo, il prodotto finale sarebbe stato decisamente migliore, e anche la tempistica con cui sto mostrando le foto non è per niente quella del viaggio in Tailandia (lì pubblicavo quasi in tempo reale); state infatti vedendo le foto dopo ben due anni. Inoltre, non avendo né scritto nulla sulla vacanza sul momento, né preso appunti, anche il racconto del viaggio è assolutamente minimo (se invece volete un racconto fotografico di viaggio quasi romanzato vi suggerisco i miei post sulla Tailandia). Di contro, mi sono goduto di più la vacanza, ho preferito la compagnia di mia moglie alla fotografia, mi sono riposato e soprattutto… sono ancora sposato.

Niente pesante Reflex e obiettivi vari quindi, ma una compattissima e leggerissima macchina fotografica premium CANON PowerShot G7 X Mark II acquistata nuova online ad un ottimo prezzo da Newpixel24.com, con garanzia Canon Italia e un’estensione di garanzia di tre anni suggeriti dal venditore… e qui vengono le note dolenti. Personalmente, da fotografo abituato alle mie Nikon professionali, da un punto di vista strettamente tecnico e anche di uso pratico, non mi sono trovato per niente bene. Come compatta tutto fare è sicuramente un ottimo prodotto, ma i tempi di messa a fuoco e il rumore ad alti ISO sono incomparabili con Nikon D750, D800 o similari. D’altro canto la comodità e la leggerezza della macchina sono tutta un’altra storia: la puoi infilare in tasca, non pesa al collo, non si fa notare, non mette in soggezione chi devi fotografare, è molto discreta e i soggetti nemmeno si accorgono che li stai fotografando. Se invece non si è abituati alla reattività e pulizia fotografica delle reflex professionali, è una macchina che fa più che bene il suo lavoro e ritengo sia davvero ottima per chi vuole veramente imparare a fotografare sul serio. Il punto più dolente è stata la durata della macchina (per fortuna durante il viaggio si è comportata benissimo e non ha dato nessun minimo problema tecnico). Dopo appena 13 mesi dall’acquisto però si è rotto l’otturatore. Avendo acquistato la macchina con partita iva la garanzia è di solo un anno, e malauguratamente non sono più riuscito a ritrovare l’estensione di garanzia. Morale della favola: Canon Italia non ha voluto saperne nulla della mia delusione, e con mio forte disappunto ha eseguito la riparazione totalmente a pagamento fuori garanzia. €200 di riparazione dopo appena 13 mesi e circa 600 scatti fanno sicuramente girare le scatole. Sinceramente è la mia seconda pessima esperienza con Canon, la prima 30 anni fa con una reflex analogica (e allora decisi di passare a Nikon) e adesso con una compatta digitale. Ritengo che una macchina, anche se compatta ma di elevato livello come la CANON PowerShot G7 X Mark II, dal prezzo di listino (all’epoca dell’acquisto) di circa €750, non possa rompersi dopo un anno e appena 600 scatti e soprattutto, se questo avviene, un’azienda leader del settore come Canon dovrebbe dare un’assistenza più completa alla propria clientela. I prodotti Nikon acquistati con garanzia Nital Italia, saranno forse un po’ più costosi, ma non ho avuto mai un tipo di esperienza così deludente.

Non ho utilizzato attrezzatura aggiuntiva di nessun tipo, ho sempre scattato in Raw, e ho utilizzato una veloce post produzione utilizzando Lightroom. Con me avevo anche uno smartphone Samsung Galaxy S5  che ho utilizzato per qualche scatto per i social, che poi sistemavo al volo con l’app di Google Snapseed.

 

Il viaggio e le foto

Giorno 1 Cancun e giorno 2 Chichen Itza e Merida

Fatta la premessa per chi ama organizzarsi i viaggi da sé con tutte le indicazioni, e fatta la chiosa per gli amanti dei tecnicismi fotografici, passiamo al viaggio vero e proprio e alle fotografie.

Già dall’aereo vengo colpito dai colori del Messico, sotto di noi mentre scendiamo verso Cancun avvisto la lingua di terra dell’Isla Blanca, e poco più in fondo l’Isla Contoy.

Viaggio in Messico e Cuba - Giorno 1 Cancun e giorno 2 Merida

Arrivati all’aeroporto di Cancun in prima serata, come prima cosa, prendiamo un taxi che ci porta a Mexicasa, una struttura poco costosa caratterizzata da stanze molto colorate in stile messicano, buona pulizia e una piscinetta niente male. Sebbene si tratti di un appoggio per appena due notti giusto in attesa dell’inizio del tour del Messico, il posto ci piace per la sua informalità e ci fa entrare nello spirito del luogo.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0209 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0215

E’ il 15 agosto, e scatto anche una foto con il cellulare da pubblicare su Facebook per questo ferragosto Messicano mentre esploriamo l’alberghetto.

13934642_10154274070844718_7952533703057426467_n

Facciamo un giro per Cancun senza avere la pretesa di visitarla ma solo per orientarci. Prendiamo il primo bus verso il lungomare, una ragazza davanti a noi si trucca senza sosta.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0258

Ci rendiamo conto che la città è una spiaggia continua ed enorme con una lunga serie di grandi strutture sul mare, un po’ una Rimini gigante.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0289 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0300_1

Ci sono dei nidi di tartaruga in spiaggia, sono recintati per proteggerli dai bagnanti, i volontari fanno vedere le tartarughine appena nate ai curiosi.

www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0284

Avvistiamo il primo iguana di una lunga serie.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0316_1

Il giorno dopo comincia il tour ‘Terra Maya’, organizzato da VersisAmerica e che ci farà vedere il meglio del Messico archeologico e paesaggistico, 7 giorni per vedere una fetta molto ampia del Paese: Yucatan, Campeche, e il Chiapas. I giorni sono pochi e infatti il giro è molto serrato.

Ci preleva dall’albergo Victor, che sarà la nostra guida messicana per i prossimi 7 giorni. Con noi ci sono anche una coppia di sposini, Marika e Mimmo, e una coppia di amici Alberto e Chiara. Ci mettiamo subito in viaggio e per prima cosa visitiamo il sito archeologico di Chichen Itza, un tempo capitale Maya dello Yucatan. Il sito è ben tenuto, il caldo è asfissiante, faccio qualche scatto concentrandomi soprattutto sui dettagli delle mura sulle quali vengono raccontate le gesta e la cultura di questa antica civiltà di cui Victor ci spiega in un ottimo italiano ogni particolare.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0419 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0438

All’uscita dal parco archeologico ci sono dei venditori di souvenir, uno di questi ha dei teli colorati che sono un vero e proprio caleidoscopio di colori. Quei drappi sono un perfetto sfondo per un ritratto. Mi fiondo verso la brillanti sfumature di verde, arancione e blu e, anche se Marilena è stanca e accaldata e non ha per niente voglia, convinco mia moglie con entusiasmo da bambino a posare per un primo piano. Sono convinto che sarà bellissima.

Viaggio in Messico e Cuba - Giorno 1 Cancun e giorno 2 Merida

Ci rimettiamo in viaggio verso Merida.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0546_1

Merida è la capitale dello stato messicano dello Yucatan, una città una volta ricchissima grazie al commercio delle fibre di agave e che testimonia l’antica ricchezza con le residenze dell’epoca in stile francese, italiano ed arabo. Purtroppo arriviamo a fine pomeriggio, ma sebbene rientrati stanchi in albergo, non rinunciamo a fare una passeggiata esplorativa.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0557

Vengo colpito principalmente dai colori delle case e ne approfitto per qualche scatto, il mio soggetto preferito, è mia moglie.

www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0596-Edit

Mari ricambia la foto.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0613

I contrasti cromatici caratterizzano questa cittadina.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0618

Cala presto il buio e faccio un paio di altre foto.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0634 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0708

Ci sentiamo veramente in Messico e per concludere la giornata ci infiliamo nel primo ristorantino del centro che ci ispira. Ci regaliamo una serata messicana con tanto di birra locale, sombreri da perfetti turisti, e tequila-limone-sale, come ogni vero messicano comanda.

rights reserved www.antoniopistillo.it

Dopo l’allegra serata si rientra in albergo; domani ci aspettano Uxmal e Campeche.

 

P.S.

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e/o metti un ‘like’ sui social e condividilo affinché anche gli altri possano leggerlo, grazie.