• Cuba, L'Avana

    Cuba, l’Avana

    Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con Marilena, mia moglie. Il post di oggi vi racconta Cuba, l’Avana. Se sei un...

  • Giorno 8 Laguna Bacalar e Cenote Azul

    Giorno 8 Laguna Bacalar e Cenote Azul

    Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con Marilena, mia moglie. Il post di oggi vi racconta giorno 8 Laguna Bacalar e Cenote...

  • Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul

    Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul

    Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con mia moglie, il post di oggi vi racconta giorno 6 Balamku e Chicannà e...

  • Giorno 5 Corozal e Yaxchilan – Chiapas –

    Giorno 5 Corozal e Yaxchilan – Chiapas –

    Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con mia moglie, il post di oggi vi racconta il Giorno 5 durante il quale...

  • Giorno 4 Palenque - Chiapas -

    Giorno 4 Palenque – Chiapas –

    Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con mia moglie, il post di oggi vi racconta il Giorno 4 durante il quale...

  • VIAGGIO IN MESSICO E CUBA – GIORNO 3 UXMAL E CAMPECHE

    Viaggio in Messico e Cuba – Giorno 3 Uxmal e Campeche

    Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con mia moglie, il post di oggi vi racconta il Giorno 3 durante il quale...

  • Giorno 1 Cancun e giorno 2 Chichen Itza e Merida

    Viaggio in Messico e Cuba – Giorno 1 Cancun e giorno 2 Chichen Itza e Merida

    Scegliere una meta per il viaggio di nozze non è mai semplice, soprattutto se devi partire ad agosto e non hai un budget illimitato. Io e mia...

  • Vincitore assoluto FIOF Awards 2007 per la Fotografia Commerciale

    Vincitore assoluto FIOF Awards 2017 per la Fotografia Commerciale

    Sono orgoglioso di condividere con voi la mia recentissima vittoria come Vincitore assoluto FIOF Awards 2017 per la Fotografia Commerciale. Il concorso fotografico FIOF è uno dei concorsi...

  • intervista-prontopro4

    Intervista su ProntoPro

    ProntoPro, il portale di incontro domanda-offerta più importante in Italia, mi ha contattato per raccontare la mia storia professionale. Ne è nata un’intervista nella quale racconto di...

  • ho fotografato il matrimonio della mia ex

    Il matrimonio della mia ex

    Ebbene sì, sono stato il fotografo del matrimonio della mia ex. Daniela, appunto, è stata la mia fidanzata quasi venti anni fa, e da allora siamo rimasti ottimi...

  • Una sfilata di piatti

    Una sfilata di piatti

    Quando Firriato mi ha chiesto di fotografare le composizioni di Gaetano Basiricò (chef della loro struttura Baglio Soria) rimasi interdetto per il numero di piatti che volevano che fotografassi:...

  • Calamoni

    Calamoni

    Qui vi presento la terza e ultima struttura della azienda vitivinicola Firriato. Si tratta di Calamoni, le case vacanze nell’isola di Favignana, appartamenti e villa all’interno dell’unico vigneto...

  • Cavanera Etnea

    Cavanera Etnea

    Ecco un’altra delle tre strutture ricettive dell’azienda viti-vinicola Firriato  che sono al centro della nuova strategia aziendale di cui vi ho raccontato nel precedente post. Oggi vi...

  • Baglio Soria

    Baglio Soria

    Firriato è una casa vinicola siciliana che riesce ad unire la tradizione alla modernità. Si tratta di un’azienda che produce un vino di qualità che sta ricevendo diversi...

  • Emanuele e Federica

    Emanuele e Federica

    Sono due persone deliziose, e hanno voluto me come fotografo per le loro nozze prenotandomi ben due anni prima. Emanuele e Federica erano invitati in un altro matrimonio...

  • Sealine Beach Resort

    Sealine Beach Resort

    Come promesso pubblico finalmente le fotografie del servizio fotografico commissionatomi da Katara Hospitality. L’incarico era di realizzare degli scatti in giro per Doha come brand photography (qui...

  • Doha

    Doha

    La Katara Hospitality, gruppo leader in Qatar nel settore alberghiero, mi ha incaricato di fotografare una loro struttura, più qualche altra camera modello, mi ha chiesto inoltre degli...

  • Royal Garden Hotel

    Royal Garden Hotel

    Il Royal Garden Hotel di Milano è l’albergo più imponente del Gruppo Monrif, una struttura 4 stelle superiore vicinissima al Forum di Assago e che associa l’arredamento classico al...

  • Room Breakfast Zero

    Room Breakfast Zero

    Approfitto di 10 minuti liberi per aggiornare il mio blog con un servizio che da tempo aspetta in fila di essere pubblicato (di tempo libero ultimamente ne...

  • Aloe arborescens

    Aloe

    Il lavoro spesso non mi lascia il tempo necessario per curare il mio blog e così sono tanti i servizi fotografici che aspettano di venire pubblicati qui....

Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con Marilena, mia moglie. Il post di oggi vi racconta Cuba, l’Avana.

Se sei un appassionato/a di viaggi e vuoi conoscere tutti i dettagli organizzativi e/o se ami la fotografia e vuoi avere informazioni tecniche vai al giorno 1 e 2 del viaggio, all’inizio del post c’è una premessa che fa per te.

 

Dopo 4 giorni di lusso ai massimi livelli presso il Valentin Imperial Maya di Playa del Carmen per concludere la nostra vacanza in Messico, lasciamo la terra maya per volare a Cuba. Le sensazioni sono contrastanti, da una parte il rammarico di lasciare un Paese con un ricchissimo patrimonio storico-culturale e paesaggi naturalistici eccezionali, e dall’altra l’eccitazione all’idea di visitare finalmente una nazione sognata per una vita intera, i luoghi di Che Guevara, di Fidel Castro e il Paese del comunismo eroico che è riuscito nel bene e nel male a resistere alle lusinghe e alle minacce del capitalismo statunitense. Una nazione al tramonto di un’era irripetibile che si sta concludendo con la fine della vita del Leader Maximo, ormai gravemente malato, un luogo da visitare prima che cambi completamente. Un Paese dalle grandi contraddizioni, dall’immortale fascino, e la sua celeberrima capitale: Cuba, l’Avana.

Ci rechiamo all’aeroporto di Cancun e voliamo verso la capitale cubana con Interjet Airlines, un volo molto breve e anche poco costoso (per i dettagli organizzativi del viaggio vai al giorno 1 e 2 del viaggio). Arrivati all’Avana ci verrà a prendere qualcuno per conto di Case Cuba, agenzia tramite la quale abbiamo prenotato le case particular (l’equivalente dei nostri B&B) presso le quali soggiorneremo per avere maggiore contatto con la popolazione locale e un’esperienza più vera di Cuba.  Scesi dall’aereo e recuperati i bagagli chiamiamo il nostro referente, e un signore ci viene subito a prendere con una vecchia Chevrolet Bel Air, salgo sull’auto e appena dentro mi sembra di essere risucchiato in un vecchio film ambientato negli anni 50. Durante il viaggio verso l’Avana mi rendo conto che il primo stereotipo di Cuba piena di vecchie macchine americane degli anni 40 e 50 è assolutamente vero. Purtroppo anche il preconcetto sulla povertà di questo Paese è confermato, le vecchie auto infatti vengono risistemate e rappezzate da decenni con tutti i disagi che ciò comporta. Superiamo una vecchia auto verde pisello che ci ha avvelenato per quasi un chilometro con una nuvola nera di gas di scarico, al volante un padre che con una mano afferra il manubrio e con l’altra tiene lo sportello che non si chiude ormai più.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3856

Arriviamo nella casa particular che ci ospiterà per due notti. La padrona di casa è molto gentile e ci parla con un italiano molto buono. Ci mostra la casa e ci spiega con grande lentezza, scandendo con un certo orgoglio e con una sonnacchiosa cantilena ogni parola per sottolineare cose per noi ovvie, che probabilmente scontate per i cubani non sono: “questo è il rubinetto: a sinistra acqua calda, a destra acqua fredda”. Dopo il breve tour dimostrativo delle basilari comodità della casa, la signora si siete davanti ad un computer portatile e vedo che naviga su internet, le chiedo speranzoso se c’è il wi-fi: mi risponde tra l’imbarazzato e il fiero che internet è illegale per i cubani, e che è permesso solo ai turisti ma presso gli alberghi più costosi.

Posiamo tutto e convinco Marilena ad uscire subito per fare una passeggiata orientativa in centro, mia moglie è già nostalgica del Messico e le primissime impressioni di Cuba non la stanno emozionando come invece stanno facendo con me. La signora ci avvisa che ci fermeranno sicuramente dei cubani o cercando di diventare nostri amici per spillarci dei soldi oppure chiedendoci di comprare per loro latte o pannolini per i figli, la pratica comune è però che torneranno nel negozio presso cui abbiamo eventualmente comprato i prodotti per loro, e restituiranno il latte o i pannolini e si faranno dare parte dei soldi, il resto lo terrà il commerciante. Questa ammonizione, da parte di una cubana, ci fa già capire molto del luogo che stiamo per visitare.

In giro le vecchie macchine americane e le effigi del Che sono ovunque.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3945 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0302-Edit antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0328antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3934

Una bimba mi guarda incuriosita con la sua canottiera rivoluzionaria.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0023

E’ una città peculiare Avana, un luogo che conserva ancora una certa opulenza di un lontano passato coloniale ma che non riesce più a nascondere la propria povertà: le strade piene di sporcizia, i palazzi in rovina, la puzza tra i vicoli e le farmacie sporche e inadeguate. Dà prepotentemente l’impressione di una città rimasta disabitata per decenni e i cui palazzi, fatiscenti da anni e anni di abbandono, sono stati improvvisamente abitati da un popolo che non sa bene cosa fare e che approfitta dell’incertezza per riposare, aspettare e far musica.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0026

www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0507 www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0042

La gente sembra in sospeso, in attesa di capire cosa succederà con la morte del leader che fino adesso tutto ha deciso, un futuro probabilmente pieno di cambiamenti, ma di sicuro anche molto incerto.

www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0046antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0527

www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3905

Un città però piena di storia, cultura, arte e musica. Dove gli amanti della letteratura possono saggiare il daiquiri, il drink preferito di Ernest Hemingway, proprio nel bar da lui più frequentato, il Floridita.

www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0135

Una città dove la musica è letteralmente in ogni angolo.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0082 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0562

 

Una città dove gli amanti dell’arte possono godere di un fervente ambiente espressivo che si manifesta soprattutto nell’arte figurativa. El Prado, la via centrale della capitale, è un susseguirsi di artisti e artigiani che cercano di vendere la loro opere. Arte ancora però fortemente condizionata dalla censura che non permette ai turisti di fare uscire dal Paese quadri che contestino apertamente il regime.

www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0249

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0287

Alcuni artisti però non sembrano volersi rassegnare alla censura e provano a vendere comunque i loro quadri di denuncia.

www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0257

Una città dalla popolazione molto giovane, dove bambini e ragazzini a petto nudo passano le loro pigre giornate tra le strade sporche e colorate.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0538

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0032 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0482 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0006

I ragazzi non hanno gli smartphone a stordirli e si entusiasmano, come noi una volta, con giochi semplici, e una palla di gomma può intrattenerli per ore.

www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3976-Edit

Sono proprio i colori ciò che mi affascina di più di questo luogo, i colori della frutta dei venditori ambulanti, dei panni a stendere, della pelle dei cubani, delle loro case sotto il sole dei tropici.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0484 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0494

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0262antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3873 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3878

Per caso mi imbatto in una scena insolita ma anche molto significativa della storia recente di Cuba: grazie all’allentarsi delle maglie del comunismo, negli ultimissimi anni (esattamente dal 2011), dopo mezzo secolo di divieto assoluto, ai cubani è consentito comprare o vendere casa. In un Paese dove l’uso dei mezzi di informazione è però ancora limitato, il metodo più semplice ed efficace è quello di incontrarsi in un punto stabilito della città e comunicare di persona, e con cartelloni fatti a mano, quello che si ha da vendere.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0207 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_0216

Una città dal grande fascino l’Avana, che merita sicuramente più dei soli due giorni che ho potuto dedicarle. Spero di poterci tornare un giorno, per poterla vivere più a fondo, purtroppo sarà sicuramente molto diversa; mentre scrivo infatti Fidel Castro è morto, e sicuramente il capitalismo e la globalizzazione se ne approprieranno e la stravolgeranno. Sarà interessante notare le differenze e poter fare il confronto, sono contento di averla potuta vedere, anche se fugacemente, prima della sua definitiva trasformazione.

Domani lasceremo la capitale e proseguiremo il viaggio a Cuba, ci aspetta Cienfuegos e poi Trinidad, due tappe sicuramente da non perdere per chi vuole conoscere questa straordinaria isola.

 

 

P.S.

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e/o metti un ‘like’ sui social e condividilo affinché anche gli altri possano leggerlo, grazie.

 

 

 

 

Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con Marilena, mia moglie. Il post di oggi vi racconta giorno 8 Laguna Bacalar e Cenote Azul.

Durante l’ottavo giorno abbiamo visitato la Laguna Balar, detta anche ‘Laguna dei sette colori’, e il Cenote Azul, il più bello dei ‘cenote’ messicani, profondi laghi creatisi misteriosamente durante l’era glaciale.

Se sei un appassionato/a di viaggi e vuoi conoscere tutti i dettagli organizzativi e/o se ami la fotografia e vuoi avere informazioni tecniche vai al giorno 1 e 2 del viaggio, all’inizio del post c’è una premessa che fa per te.

 

Giorno 8 Laguna Bacalar e Cenote Azul

E’ l’ultimo giorno di questo nostro formidabile tour del Messico e una certa malinconia aleggia tra noi stamane. Come ogni mattina ci mettiamo in viaggio sulla Toyota che ci ha scarrozzato per gli Stati dello Yucatan, Campeche e Chiapas e puntiamo verso lo Stato di Quintana Roo, il quarto e ultimo Stato del Messico sud-occidentale. Come al solito io ne approfitto per fermare degli attimi di vita che incrocio durante questo viaggio on the road.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2970 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2972 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3132

Arrivati alla Laguna Bacalar scendiamo dal veicolo, e subito un signore, vedendomi indaffarato con la macchina fotografica, si piazza davanti l’obiettivo e mi chiede in modo plateale di fotografarlo. Evidentemente è molto orgoglioso dei suoi ‘mezzi baffi’ e io non me lo faccio chiedere due volte.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3285

All’ingresso della laguna c’è un venditore con una bimba stupenda e un fantastico contesto di cappelli colorati che sono il soggetto perfetto per una bella foto, chiedo il permesso e scatto.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3287

La laguna effettivamente ha molte sfumature di blu, e a buon titolo si merita l’appellativo di ‘Laguna dei Sette Colori’. Un padre teneramente gioca con il proprio figlio durante il bagno e punto il mio obiettivo.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3313

Ci sediamo nella terrazza a sorseggiare una birra godendoci la vista dalle tante sfumature di blu difronte a noi, ma la mia attenzione, più che altro, si rivolge ad una bambina seduta con la famiglia al tavolo alle mie spalle: la bimba infatti è intenta a mettersi il rossetto e trovo la scena particolarmente fotogenica. Chiedo il permesso alla madre che acconsente ben contenta e orgogliosa della richiesta, purtroppo la signora toglie il rossetto alla figlia e le dice di sorridere guardando l’obiettivo, così facendo svanisce la spontaneità del gesto e mi rimane semplicemente un ritratto di una bella bambina con rossetto in posa per la foto.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3300

Non soddisfatto continuo a guardare la bimba di sottecchi, sperando si dimentichi di me e si rimetta a giocare con i trucchi. Non smette di tenermi d’occhio e non si rimette a truccarsi, la madre le ha anche pulito il musino, ma adesso la sua posa è più naturale e riesco ad ottenere un ritratto che mi convince decisamente di più.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3308

Decidiamo di lasciare la Laguna per avviarci verso la prossima tappa, ho però il tempo di scattare un utlimo ritratto ad un signore dal volto interessante seduto ad un tavolo del ristorante.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3323

Arriviamo al Cenote Azul che è un grande cerchio blu d’acqua profondissima nel mezzo della verde vegetazione tropicale.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3327

Il posto è molto piacevole e molti si tuffano per un bagnetto d’acqua dolce.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3479 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3456

Marilena puccia i piedini nell’acqua.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3424

C’è un ristorante con magnifica vista sul Cenote e facciamo qui il nostro pranzo.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3431

Finito di mangiare chiudiamo con il rituale del tequila sale e limone e Marilena fa le sue solite facce buffe.

Mari-e-tequila

Lasciamo il Cenote Azul con il dispiacere della fine, questa è stata infatti l’ultima tappa del nostro girovagare per rovine, giungla e villaggi maya. Victor, la nostra guida, accompagna ognuno di noi presso le strutture alberghiere dove continueremo il resto della vacanza, e salutiamo man mano i nostri piacevoli compagni di viaggio Marika, Mimmo, Alberto e Chiara. Arrivati a destinazione lasciamo anche Victor, che è stato un conducente ineccepibile e una fantastica guida turistica.

Arriviamo in Playa del Carmen presso la struttura dove trascorreremo i prossimi 4 giorni di vacanza con la tristezza di una bellissima esperienza ormai conclusa. Entriamo nel resort di super extra lusso Valentin Imperial Maya e, alla vista di tanto fasto ed eleganza, la tristezza scompare di colpo.

La camera è semplicemente fantastica e, sebbene io non abbia la mia solita attrezzatura da servizio fotografico per alberghi e nemmeno un treppiedi, metto come posso in pratica la mia deformazione professionale di fotografo di hotel e immortalo la camera:

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_3849-Edit-Edit

Ci godiamo 4 giorni indimenticabili di relax, cibo, piscina, e spiaggia con tanto di trattamento Vip e super esclusivo. La perfetta conclusione al nostro viaggio in Messico. Ecco una foto fatta con lo smartphone Samsung Galaxy S5 e condivisa sui social giusto per far rodere gli amici.

14102487_10154296779179718_689236883171466227_n

Tra quattro giorni lasceremo il Messico ma il viaggio continuerà, voleremo infatti a Cuba e passeremo altri 8 giorni indimenticabili in un altro Paese imperdibile per chi ama viaggiare e che da tanto sognavo di visitare.

Il prossimo post mostrerà le foto e racconterà le mie impressioni della prima tappa del viaggio a Cuba: la sua affascinante capitale, l’Avana!

 

 

P.S.

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e/o metti un ‘like’ sui social e condividilo affinché anche gli altri possano leggerlo, grazie.

 

 

 

Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con mia moglie, il post di oggi vi racconta giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul.

Durante il sesto giorno abbiamo visitato i poco conosciuti siti archeologici di Balamku e quello di Chicannà. Nella settima giornata abbiamo attraversato la biosfera della giungla di Calakmul e visitato l’omonimo sito archeologico, siamo anche saliti sul più alto edificio di tutta l’architettura maya con una straordinaria vista sul così detto ‘oceano verde’.

Se sei un appassionato/a di viaggi e vuoi conoscere tutti i dettagli organizzativi e/o se ami la fotografia e vuoi avere informazioni tecniche vai al giorno 1 e 2 del viaggio, all’inizio del post c’è una premessa che fa per te.

 

 

Giorno 6 Balamku e Chicannà 

 

Come al solito sveglia prestissimo e partenza per un viaggio di 330km che ci porterà nella zona del ‘Rio Bec’, un’area archeologica nella parte sud dello stato di Campeche, costituita da siti di recente scoperta e poco battuti dai turisti.

www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2583 www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2551

Facciamo una sosta, ho sete, il Messico è famoso anche per la birra, ne hanno di tutte le qualità, decido quindi di comprare una ‘cerveza‘ locale ma non mi rendo conto che quella che scelgo è ai gamberetti e al sugo di pomodoro… sono inorridito dalla scoperta, dopo qualche secondo di titubanza mi faccio comunque coraggio e incuriosito l’assaggio… la peggiore bibita della mia vita! Nessuno dei miei compagni di viaggio vuole saperne di provare a sentirne il sapore e la lattina, ancora piena di quell’oscena brodaglia gelata, finisce nella spazzatura.

La mia attenzione viene colpita da un tir enorme reso ancora più minaccioso, oltre che dalla sua mole, dai copri-cerchioni delle ruote che sembrano uscite da un film futuristico post-apocalittico alla Mad Max.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2611

Tanta minacciosa mole ha finito con lo schiacciare una povera e piccola libellula.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2607

I messicani hanno un rapporto gioioso con il cibo, e lo si può facilmente riscontrare dalle forme generose della maggior parte di loro. Una famiglia molto sorridente preparare ‘comida‘ in stile ‘street food‘ per i viaggiatori.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2615 www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2627Riprendiamo il tragitto e lungo la strada è un continuo carosello di venditori ambulanti più o meno improvvisati che vendono cibaglia di tutti i tipi per chi è in viaggio in macchina, furgone o moto.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2725

Dopo 5 ore finalmente arriviamo a Balamku. Le strutture sono conservate benissimo, è affascinante vedere gli alberi crescere sui gradini delle antiche scale. L’elemento più famoso del sito è sicuramente un imponente rilievo in stucco che rappresenta personaggi Maya e giaguari mitologici.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2743 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2744 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2749 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2751 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2757

Risaliamo in macchina per raggiungere Chicannà, il secondo e ultimo sito archeologico della giornata. Scoppia un ennessimo acquazzone che, come normalmente sono quelli tropicali, è molto intenso ma fortunatamente dura poco, giusto il tempo di portare l’umidità a livelli ancora più soffocanti.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2765

Anche qui i resti sono ben conservati. Quello che rende questi siti speciali è l’assenza di turisti, siamo gli unici, e nella realtà incontaminata della giungla fatto di migliaia di piccoli suoni ma assenza totale di rumori umani, si ha l’impressione di essere degli Indiana Jones che si imbattono nei resti di una antichissima civiltà sconosciuta.

www.antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2795

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2777

Ballissimi sono i rilievi che incorniciano le porte e che rappresentano serpenti e animali del mondo Maya.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2783 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2784

Anche qui la giungla si esprime in tutta la sua ricchezza di flora e fauna. Avvisto uno stupendo esemplare di tucano e immortalo un frutto sconosciuto che mi colpisce per il rosso sgargiante.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2791 antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2796

 

Stanchi e soddisfatti delle due visite concludiamo la giornata ritirandoci nella struttura Chicanna Eco Village Resort che ci ospita per la notte. Un villaggio ecologico immerso nella foresta e a bassissimo impatto ambientale. Pannelli solari, acqua scaldata con il solare termico, lampadine a risparmio energetico dalla fioca luce e assolutamente niente aria condizionata per limitare il consumo di energia, un po’ spartano ma in armonia con la natura che ci circonda. Cala la sera, e intensamente montano i suoni notturni della giungla tutta in torno che ci cantano un’esotica ninnananna, che racconta di un lontano passato dove noi eravamo armonica parte di questo immenso e sonoro tutto. Il canto della foresta ci culla e ci adagia tra le braccia di un sonno pacifico che dura ininterrotto e profondo fino al naturale risveglio all’alba, per l’escursione del giorno dopo, che aspettiamo con ansia: l’oceano verde.

 

Giorno 7 Calakmul

Arriviamo all’ingresso della  zona protetta di Calakmul, una zona archeologica, nella parte più profonda della giungla della subregione di Peten Basin, che si estende per parte del Guatemala che dista da qui una trentina di chilometri. Dobbiamo lasciare l’auto che fino adesso ci ha degnamente portato in giro per questa entusiasmante scorrazzata attraverso il Messico sud-orientale; per entrare in questa parte protetta della bio-sfera bisogna infatti utilizzare dei mezzi autorizzati ed essere accompagnati dai guardiani del parco. Victor, che fino adesso ci ha fatto oltre che da guida anche da autista, cede quindi il post ad un tizio con una brutta cicatrice sul volto che sembra uscito dai peggiori bar di Los Cabos e saliamo su un furgone con il parabrezza spaccato. Il tizio parte a razzo facendoci saltare ad ogni buca e lasciando una lunga e densa nuvola nera di scarichi diesel alla faccia del rispetto per l’ecosistema. Rimpiangiamo sia l’auto di Victor sia la sua guida pacifica e rassicurante. Con noi sale anche un altro impiegato della riserva, taciturno quanto l’autista con la cicatrice ma almeno dal volto più confortante.

Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul  diritti riservati antoniopistillo.it

Attraversiamo la giungla per circa un’ora e mezza, al centro della strada c’è un roditore incurante del nostro veicolo. Ci fermiamo, e il ragazzo dal volto pacifico lo raccoglie per mostrarcelo. L’animaletto non è per niente contento e, senza mostrare alcun timore per la differenza di mole, strilla minaccioso facendo mostra dei suoi lunghi denti e artigli.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2813 Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul  diritti riservati antoniopistillo.it Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul  diritti riservati antoniopistillo.it Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul  diritti riservati antoniopistillo.it

Lo poggiamo sul ciglio della strada e ripartiamo.

Arriviamo finalmente al sito di Calakmul. Anche qui ci sono pochi turisti e la natura sembra voler prepotentemente riprendersi possesso dei suoi spazi.

antoniopistillo.com_Agosto16_ViaggioNozzeIMG_2864

Questa giungla è ricchissima di infinite varietà di flora e fauna, si contano ben 230 specie di volatili e quasi tutte le specie di felini presenti nel continente americano. Lo spettacolo intorno a noi è infatti formidabile.

Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul  diritti riservati antoniopistillo.it Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul  diritti riservati antoniopistillo.it

A Calakmul vi è una piramide che è l’edificio più grande di tutto il mondo maya, Victor ci spiega che la fatica della lunga scalata per raggiungere la vetta ci ripagherà con una vista mozzafiato sulla biosfera più estesa di tutto il Messico. Ci racconta di una turista che è scesa in lacrime per la grande emozione provata alla vista di tale spettacolo. Non ho voglia di piangere, ma una cosa del genere mi mette grande curiosità, e convinco tutti ad affrontare l’irrespirabile afa e a salire gli infiniti gradoni della piramide.

Arriviamo senza respiro, l’affanno non ci permette di parlare, non è però l’afa che ci toglie definitivamente il fiato, ma quello che vediamo: verde, fronde, alberi, a perdita d’occhio! una pianura fino all’orizzonte di sola giungla, la cui cresta si muove morbida e lenta lambita da qualche leggera folata di vento, di tanto in tanto una vetta di qualche antica piramide maya spunta come nave in un oceano, l’oceano verde. Non ci mettiamo a piangere ma siamo tutti presi da una frenesia di gioia incontenibile. Uno spettacolo che non dimenticherò mai più in tutta la mia vita.

Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul  diritti riservati antoniopistillo.it Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul  diritti riservati antoniopistillo.it Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul  diritti riservati antoniopistillo.it

Mari è estatica e viene voglia di abbracciare questo mare infinito.

Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul  diritti riservati antoniopistillo.it

Una posizione yoga è quello che ci vuole per celebrare l’immensa gioia che stiamo provando. Siamo sul tetto di questa sterminata giungla mozzafiato e Marilena sceglie la più adatta delle posizione yogi, quella dell’albero!Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul

Presi dall’euforia cominciamo a scattare foto e selfie a più non posso con i nostri compagni di viaggio.

Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul

Non scendiamo piangendo, come la signora di cui ci aveva detto Victor, ma col fiatone e ancora ridendo per la gioia appena provata.

Domani sarà l’ultima tappa del nostro tour messicano. Siamo pienamente soddisfatti e anche già un po’ malinconici all’idea che presto finirà questo nostro entusiasmante girovagare per siti archeologici, villaggi e giungla. Guardiamo il programma del giorno dopo: la laguna Bacalar, detta anche  la ‘laguna dei sette colori’ e il Cenote Azul, il più bello dei ‘cenote’ messicani, profondi laghi creatisi misteriosamente durante l’era glaciale… anche domani si preannuncia una giornata straordinaria.

 

P.S.

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e/o metti un ‘like’ sui social e condividilo affinché anche gli altri possano leggerlo, grazie.