Violenza Vola Via

Violenza Vola Via

La fotografia creativa non è di sicuro il mio forte, non che non mi piaccia, ma sono tanti i rami della fotografia che è davvero impossibile seguirli tutti. La fotografia di alberghi, e in generale di interni, è ciò a cui mi sono dedicato maggiormente e rappresenta la mia specializzazione, è lei infatti che professionalmente mi ha dato più soddisfazioni. Nel (poco) tempo libero mi dedico principalmente alla fotografia da viaggio (non quanto vorrei purtroppo), da paesaggio e alla street photography.

Mia sorella Elena, attrice che ultimamente si è cimentata con ottimi risultati nella regia di cortometraggi, qualche giorno fa mi ha chiesto di realizzare una fotografia per un suo imminente spettacolo dal titolo “Violenza Vola Via”, una serata sulla violenza contro le donne durante la quale sarà proiettato il suo omonimo corto (premiato con il primo premio all’ultima edizione del Cefalù Film Festival). La mia prima risposta, come quasi sempre, è stata di getto  ‘no, non ho tempo”, ma poi, conoscendo bene le intenzioni del suo spettacolo, nella velocità di cui solo la mente umana è capace, ho visto l’atmosfera che avrebbe avuto quella fotografia, mi sono reso conto che sarebbe stato qualcosa di molto diverso dai miei soliti scatti e ho sentito improvvisa la voglia di sperimentare.

Ho deciso quindi che la foto sarebbe stata pittorica, onirica e lunare.

Per fare ciò ho pensato di utilizzare la mia solita tecnica dei multi-scatti, detta in parole povere, faccio più scatti con utilizzo del treppiedi, e prendo di ogni scatto quello che mi piace di più.

Dopo un rinvio di una settimana, perché il tempo non era ideale, abbiamo fatto l’alzataccia, e ci siamo posizionati in un luogo geograficamente suggestivo: a Capo Lilibeo di Marsala, la punta estrema ad occidente della Sicilia. Ho piazzato le scarpette rosse simbolo dello spettacolo nel punto dove sarebbero state le figure femminili e abbiamo aspettato l’alba per avere la magia delle prime luci. Il primo scatto l’ho realizzato con una velocità di otturatore di circa 15 secondi utilizzando un filtro ND per poter ottenere una mare che fosse cremoso e surreale.

www.antoniopistillo.com_19MarzoLocandinaViolenzaDonneDNG_AAA3179

 

Dopo ho fatto piazzare le figure femminili (in ordine: mia sorella Elena, l’attrice Noemi Piccionello, e la ballerina Mara Rubino)  nel punto esatto che avevo stabilito, e ho scattato usando un filtro polarizzatore.

www.antoniopistillo.com_19MarzoLocandinaViolenzaDonneDNG_AAA3192

 

Successivamente ho chiesto a Federico, che faceva da assistente, di tenere un flash aggiuntivo per simulare la luce della luna che avrei messo dopo in post-produzione. Per fare ciò era necessario un flash potente (che potesse vincere la luce del giorno) e portatile al tempo stesso, ho quindi utilizzato un comodissimo quanto efficace Phottix Indra360 TTL  che ho radio-pilotato senza problemi grazie al sistema Phottox Odin II TTL. La parte difficile qui è stato per le modelle tenere la posizione costante, cercando di muoversi soltanto per respirare. Devo dire che sono state bravissime e pazientissime, soprattutto Mara che poverina ha dovuto tenere il braccio sinistro in alto in quella scomoda posizione per un tempo sufficiente a fargli dolere la spalla. Grazie Mara!

Ho così fatto più scatti.

www.antoniopistillo.com_19MarzoLocandinaViolenzaDonneDNG_AAA3194

www.antoniopistillo.com_19MarzoLocandinaViolenzaDonneDNG_AAA3207

In post produzione ho dopo unito gli scatti correggendo i piccoli errori di sovrapposizione, e ho anche cambiato il formato rendendo la foto più panoramica (la roccia inferiore l’ho alzata usando la ‘trasformazione libera’ di photoshop). Ho aggiunto il riflesso delle modelle e degli scogli ai quali ho applicato un filtro di ‘motion blur’. Ho creato delle stelle aggiungendo del ‘rumore’ e utilizzando il pennello per quelle più evidenti. Ho inserito, come fotomontaggio puro e semplice, una luna e relativo riflesso sull’acqua, e i gabbiani per richiamare il titolo. Infine ho lavorato su colori e chiaroscuri utilizzando principalmente layers e filtri.

Qui potete vedere il prima e il dopo.

VillenzaVolaVia confronto

Et voilà! con l’augurio che Violenza Vola Via possa contribuire, anche se nel suo piccolo, a cancellare un vergognoso comportamento che contraddistingue la nostra razza ad ogni livello, spero che il risultato finale vi piaccia. Se avede domande o commenti potete scrivere e cercherò di rispondervi.

 

P.S.

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e/o metti un ‘like’ sui social e condividilo affinché anche gli altri possano leggerlo, grazie.

2 Comments on “Violenza Vola Via

  1. Onirica! E come in un sogno la violenza è volata via. Complimenti

    • Un bel sogno quello della fine della violenza sulle donne e su chiunque è in situazione di debolezza fisica o psicologica. Speriamo presto si realizzi. Grazie.

Rispondi a Anna Quinci Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>