• Cuba, L'Avana

    Cuba, l’Avana

    Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con Marilena, mia moglie. Il post di oggi vi racconta Cuba, l’Avana. Se sei un...

  • Giorno 8 Laguna Bacalar e Cenote Azul

    Giorno 8 Laguna Bacalar e Cenote Azul

    Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con Marilena, mia moglie. Il post di oggi vi racconta giorno 8 Laguna Bacalar e Cenote...

  • Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul

    Giorno 6 Balamku e Chicannà e giorno 7 Calakmul

    Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con mia moglie, il post di oggi vi racconta giorno 6 Balamku e Chicannà e...

  • Giorno 5 Corozal e Yaxchilan – Chiapas –

    Giorno 5 Corozal e Yaxchilan – Chiapas –

    Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con mia moglie, il post di oggi vi racconta il Giorno 5 durante il quale...

  • Giorno 4 Palenque - Chiapas -

    Giorno 4 Palenque – Chiapas –

    Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con mia moglie, il post di oggi vi racconta il Giorno 4 durante il quale...

  • VIAGGIO IN MESSICO E CUBA – GIORNO 3 UXMAL E CAMPECHE

    Viaggio in Messico e Cuba – Giorno 3 Uxmal e Campeche

    Questo è il racconto fotografico del mio viaggio in Messico e Cuba con mia moglie, il post di oggi vi racconta il Giorno 3 durante il quale...

  • Giorno 1 Cancun e giorno 2 Chichen Itza e Merida

    Viaggio in Messico e Cuba – Giorno 1 Cancun e giorno 2 Chichen Itza e Merida

    Scegliere una meta per il viaggio di nozze non è mai semplice, soprattutto se devi partire ad agosto e non hai un budget illimitato. Io e mia...

  • Vincitore assoluto FIOF Awards 2007 per la Fotografia Commerciale

    Vincitore assoluto FIOF Awards 2017 per la Fotografia Commerciale

    Sono orgoglioso di condividere con voi la mia recentissima vittoria come Vincitore assoluto FIOF Awards 2017 per la Fotografia Commerciale. Il concorso fotografico FIOF è uno dei concorsi...

  • intervista-prontopro4

    Intervista su ProntoPro

    ProntoPro, il portale di incontro domanda-offerta più importante in Italia, mi ha contattato per raccontare la mia storia professionale. Ne è nata un’intervista nella quale racconto di...

  • ho fotografato il matrimonio della mia ex

    Il matrimonio della mia ex

    Ebbene sì, sono stato il fotografo del matrimonio della mia ex. Daniela, appunto, è stata la mia fidanzata quasi venti anni fa, e da allora siamo rimasti ottimi...

  • Una sfilata di piatti

    Una sfilata di piatti

    Quando Firriato mi ha chiesto di fotografare le composizioni di Gaetano Basiricò (chef della loro struttura Baglio Soria) rimasi interdetto per il numero di piatti che volevano che fotografassi:...

  • Calamoni

    Calamoni

    Qui vi presento la terza e ultima struttura della azienda vitivinicola Firriato. Si tratta di Calamoni, le case vacanze nell’isola di Favignana, appartamenti e villa all’interno dell’unico vigneto...

  • Cavanera Etnea

    Cavanera Etnea

    Ecco un’altra delle tre strutture ricettive dell’azienda viti-vinicola Firriato  che sono al centro della nuova strategia aziendale di cui vi ho raccontato nel precedente post. Oggi vi...

  • Baglio Soria

    Baglio Soria

    Firriato è una casa vinicola siciliana che riesce ad unire la tradizione alla modernità. Si tratta di un’azienda che produce un vino di qualità che sta ricevendo diversi...

  • Emanuele e Federica

    Emanuele e Federica

    Sono due persone deliziose, e hanno voluto me come fotografo per le loro nozze prenotandomi ben due anni prima. Emanuele e Federica erano invitati in un altro matrimonio...

  • Sealine Beach Resort

    Sealine Beach Resort

    Come promesso pubblico finalmente le fotografie del servizio fotografico commissionatomi da Katara Hospitality. L’incarico era di realizzare degli scatti in giro per Doha come brand photography (qui...

  • Doha

    Doha

    La Katara Hospitality, gruppo leader in Qatar nel settore alberghiero, mi ha incaricato di fotografare una loro struttura, più qualche altra camera modello, mi ha chiesto inoltre degli...

  • Royal Garden Hotel

    Royal Garden Hotel

    Il Royal Garden Hotel di Milano è l’albergo più imponente del Gruppo Monrif, una struttura 4 stelle superiore vicinissima al Forum di Assago e che associa l’arredamento classico al...

  • Room Breakfast Zero

    Room Breakfast Zero

    Approfitto di 10 minuti liberi per aggiornare il mio blog con un servizio che da tempo aspetta in fila di essere pubblicato (di tempo libero ultimamente ne...

  • Aloe arborescens

    Aloe

    Il lavoro spesso non mi lascia il tempo necessario per curare il mio blog e così sono tanti i servizi fotografici che aspettano di venire pubblicati qui....

L’hotel Internazionale è un albergo 4 stelle nel cuore di Bologna, si trova in via Indipendenza e questo significa a pochi passi della zona pedonale e vicinissimo alla stazione. La posizione invidiabile non è l’unica qualità di questa struttura che può vantare anche personale gentilissimo e molto efficiente. Per visitare Bologna o per pernottarvi per motivi di lavoro l’Hotel Internazionale è sicuramente un’ottima scelta.

Fotografare questo albergo è stato particolarmente piacevole per la luminosità delle camere. Inoltre una delle stanze che dovevo fotografare ha due enormi finestre su bellissimi palazzi della via Indipendenza, una gioia per gli occhi che pone però una sfida interessante per il fotografo. La differenza di luce infatti tra l’esterno, in pieno giorno, e l’interno della camera era davvero estremo. Ovviamente ho dovuto eseguire scatti a forcella per riuscire a colmare l’enorme range dinamico che la situazione poneva. Riuscire ad avere però un effetto che non risulti posticcio è operazione abbastanza complessa.

Qui potete vedere lo scatto in questione. Mi ritengo soddisfatto del risultato ottenuto.

10532739_731692716890422_5197478223950827313_o

Quando la mattina presto mi sono recato alla sala colazione ho trovato una vera e propria cascata di croissant di tutti i tipi. Resistere alla voglia di afferrarne uno e imbrattarmi le dita come un bambino è stato molto difficile, ma poi la concentrazione ha prevalso e i cornetti sono diventati oggetti marmorei da fotografare come le statue classiche che contraddistinguono questo albergo (questa è la spiegazione che ho dato al cameriere che mi ha chiesto come facessi a resistere, in realtà mi sono autoipnotizzato ripetendomi costantemente: “non sono strapieni e ‘vastasi’ come quelli siciliani… non sono strapieni e ‘vastasi’ come quelli siciliani… non sono strapieni e ‘vastasi’ come quelli siciliani… alla fine ci ho creduto e ho cominciato a scattare).

Queste sono le fotografie del servizio fotografico da me eseguito per l’Hotel Internazionale.

antoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB8325-Edit antoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB8411-Editantoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB8180-Edit antoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB8196-Edit antoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB8287-Edit antoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB8509-Edit antoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB8574-Edit antoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB8669-Edit antoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB8946-Edit antoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB9072-Editantoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB9089-Edit-2antoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB9238-Editantoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB9294-Edit antoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB9312-Edit antoniopistillo.com_14GiugnoInternazionale_BBB9374-Edit

 

 

Vanity SPA è un centro benessere che si trova a Balestrate, in provincia di Trapani. E’ il luogo perfetto se volete curare il vostro corpo e avete bisogno di staccare dallo stress quotidiano. Dai trattamenti di bellezza di ogni tipo, compreso massaggi e riflessologia, fino alla sauna, il bagno turco e l’idro-massaggio come ogni spa che si rispetti.

Come potete vedere dalle foto gli ambientai sono davvero ben curati  e vi è persino una suite SPA, cioè un percorso privato per la coppia, al suo interno: vasca idromassaggio con cromo terapia, sauna, bagno turco e una piccola zona dove potersi rilassare bevendo un drink e della frutta fresca.

Ecco le fotografie che vi mostrano gli ambienti di Vanity SPA

antoniopistillo.com_Altro_DSC7167-Editantoniopistillo.com_Altro_DSC7324-Editantoniopistillo.com_Altro_DSC7470-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7458-Editantoniopistillo.com_Altro_DSC7204-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7216-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7228-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7239-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7249-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7270-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7261-Edit

Questa è l’esclusiva Suite di Vanity SPA

antoniopistillo.com_Altro_DSC7291-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7299-EditVanity SPA

Se poi vi siete rilassati così tanto da voler passare la notte, nessun problema: Vanity SPA offre un servizio di Apart Hotel, con i suoi appartamenti dotati di ogni confort.

Gli appartamenti, dotati di cucina, wifi, una terrazza comune e tante altre comodità, sono la soluzione per il turista che vuole esplorare la Sicilia occidentale. Balestrate è infatti esattamente a metà tra Trapani e Palermo e può essere la base ideale per girare le due province.

Qui le foto degli appartamenti di Vanity SPA

antoniopistillo.com_Altro_DSC7340-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7349-EditVanity SPA antoniopistillo.com_Altro_DSC7355-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7385-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7411-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7397-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7426-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7429-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7436-Edit antoniopistillo.com_Altro_DSC7444-Edit

Volete vedere ancora di più? volete farvi un giro direttamente nella struttura senza muovervi da casa? allora potete passeggiare negli ambienti di Vanity SPA grazie al  tour virtuale Google da me realizzato che potete navigare da qui:

https://goo.gl/maps/Vs1St

 

Per maggiori info sul servizio Google Maps Business View:
http://www.fotointerni.com/#!googlebusinessphotos/c65q

Alcuni giorni fa Firriato mi ha chiesto di recarmi presso i loro vigneti sull’Etna per fotografare la potatura. L’idea mi è subito piaciuta perché mio padre, di famiglia contadina, mi ha raccontato più volte dell’importanza di saper tagliare nel giusto modo la pianta. La potatura è una parte fondamentale del ciclo agricolo e chi sa eseguire il taglio in modo corretto viene considerato con gran rispetto tra i contadini. Molte volte l’ho sentito vantarsi di aver imparato l’arte della potatura sin da ragazzino, e per la sua abilità veniva anche chiamato ad eseguire il taglio in terreni che non erano quelli della sua famiglia.

Così armato delle mie macchine fotografiche e della curiosità di vedere i contadini eseguire quell’antica arte di cui tanto avevo sentito parlare, mi sono diretto insieme a Tanino Santangelo, l’agronomo, verso l’Etna con la speranza di riuscire a ben raccontare con le mie fotografie quello che avrei visto.

Già solo il viaggio in auto in compagnia dell’agronomo è valsa l’alzataccia all’alba. Tanino è sempre presente in vigna mentre i contadini lavorano, così facendo è uno di quegli operatori che affianca la pratica sul campo alla formazione più accademica collaborando da tempo con l’istituto agrario dell’università di Palermo. Passare del tempo con lui significa avere svelati un’infinità di curiosità nel campo della biologia e dell’agronomia. Egli stesso ha una piccola azienda con la quale produce uva da vino e olio d’oliva, e quando ti parla capisci subito che la sua non è semplice conoscenza nozionistica, il suo è l’amore di chi tocca la terra con le mani, di chi si sporca felice di sporcarsi. Ho bombardato Tanino di domande alle quali ha pazientemente risposto in modo semplice ma soprattutto con la passione di chi ama profondamente il lavoro che fa e la ricerca accademica che svolge. L’amore che ha per la campagna è tale che alla fine del viaggio mi ero quasi convinto a vendere tutta la mia attrezzatura fotografica per comprarmi una decina di ettari di terreno e tornare all’origine per darmi alla vita di campagna e campare di sola agricoltura.

Arrivati sul posto ho avuto appena il tempo di mangiare qualche mandarino raccolto degli alberi vicini alle vigne (mangiare i frutti appena staccati dall’albero mi dà ogni volta una gioia quasi infantile) e di tirare subito fuori l’attrezzatura necessaria. I contadini erano già nel campo a lavorare e pronti ad essere fotografati durante il lavoro.

antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1107 antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1171 antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1093 antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1164

antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1138 antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1078-2 antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1068 antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1200 antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1166 antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1188antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1178

Oggi, oltre alla potatura, ci si preoccupa anche di trapiantare qualche nuova pianta di vite, detta in termine tecnico, ‘barbatella’. Si tratta di una talea, un ramo di vite ramificata, questa farà da base per poi innestare il vitigno più appropriato. Queste barbatelle hanno la capacità di resistere naturalmente alla fillossera, un insetto, precisamente un litofago, di origine delle Americhe, che nella seconda metà dell’ottocento è stato accidentalmente introdotto in Europa e ha attaccato e distrutto le coltivazioni di vite europee. Queste barbatelle daranno, ai vitigni che verranno scelti da Firriato, delle radici resistenti a questo parassita. Tanino mi ha raccontato a lungo della storia della fillossera che era diventata una vera e propria piaga per l’agricoltura europea. Mi ha anche spiegato che noi siciliani siamo stati tra i più grandi botanici al mondo ed è anche grazie a studiosi siciliani che il problema è stato risolto con la tecnica del portinnesto. Palermo e il suo orto botanico erano al centro del mondo accademico della botanica, fino ad un secolo fa conservavano un vero tesoro di conoscenze unico al mondo, tesoro che oggi è quasi del tutto perduto per la miopia delle nostre ultime classi dirigenti.

Ecco il capo squadra Sebastiano che ci mostra una barbatella e Tanino poi che l’analizza da vicino. Guardate con quale cura la maneggia. Sembra quasi una vera e propria relazione amorosa.

antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1377

antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1394 antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1402

Il contadino smuove la terra per ammorbidirla, applica un foro, spunta le radici della barbatella, e con molta attenzione pone dentro al buco la talea che costituirà la base di una nuova piante d’uva che produrrà ottimo vino.antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1261Il racconto e le immagini di Antonio Pistillo della potatura nei vigneti sulla'Etna di Firriato.antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1203

antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1284antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1279antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1249

I terreni che Firriato ha sull’Etna sono caratterizzati da piante che hanno parecchi anni (e dalle forme stupende che fanno di loro delle vere e proprie sculture della natura) e piante più giovani. La particolarità è costituita dai muretti in pietra lavica che delimitano i terreni e sui quali diverse piante di vite sono riuscite naturalmente ad attecchire. Tra le pietre spuntano i rami nodosi che si allungano verso il cielo. La potatura viene eseguita anche su queste piante.

antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1328antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1309antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1317antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1299

Anche qui si vuole assecondare la natura provando ad inserire qualche nuova pianta negli interstizi tra una pietra e l’altra del muretto, e si procede al trapianto come prima.

antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1338 antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1357antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1367

Gli operai poi si spostano su un altro terreno, qui però Tanino vuole dare delle precise istruzioni sul modo di tagliare le piante. La potatura infatti, a seconda di come viene eseguita, farà crescere le piante in un determinato modo e su quel terreno l’agronomo vuole un taglio diverso dagli altri vigneti. La discussione tra Tanino e il capo squadra si prolunga molto, si tratta di due sapienze, quella antica e tramandta di padre in figlio del contadino e quella scientifica ma anche pratica dell’agronomo che cerca di applicare sul campo le certezze biologiche imparate sui libri.

antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1437

I due si confrontano utilizzando a volte termini dialettali che nelle loro parlate sono molto differenti, il trapanese Tanino e il Catanese Sebastiano hanno accenti e termini diversi, ma la cultura è sempre quella della Sicilia contadina e si capiscono alla perfezione. Disquisiscono sul modo più appropriato, in certi casi animandosi e alzando la voce, ma sempre con rispetto e comune amore per la terra. Mentre sono così presi dal loro confronto, dei cavalli dall’alto di una collinetta li guardano incuriositi dal loro vociare.

antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1427

Finalmente trovata l’intesa tra i due il contadino comincia ed eseguire ad arte la potatura anche su questo terreno secondo le istruzioni ricevute.

antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1473antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1456 antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1469

Una volta tagliati i rami in eccesso, altri operai si preoccupano di sfilarli via dal filare.

antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1491 antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1509 antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1568antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1388

Qui il particolare di un tronco di vite che porta i segni delle diverse potature eseguite negli anni.

antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1596

Finito di scattare le mie foto, lascio questi meravigliosi campi con l’odore nelle narici della terra di fine inverno e il calore sulla pelle di un sole che annuncia l’imminente primavera. Negli occhi, i sapienti movimenti dei contadini con la forbice in mano e le unghia incrostate, e nelle orecchie, le tante informazioni di Tanino sulla ricchezza della nostra terra dalla quale veniamo e dalla quale non potremo mai prescindere. Una terra da amare e soprattutto da rispettare.

antoniopistillo.com_15MarzoFirriatoGiorno2_DSC1433 Il racconto e le immagini di Antonio Pistillo della potatura nei vigneti sulla'Etna di Firriato.

P.S.

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e/o metti un ‘like’ sui social e condividilo affinché anche gli altri possano leggerlo, grazie.