Doha

Doha

La Katara Hospitality, gruppo leader in Qatar nel settore alberghiero, mi ha incaricato di fotografare una loro struttura, più qualche altra camera modello, mi ha chiesto inoltre degli scatti di brand photography che ritraessero Doha, la capitale del Qatar, che è la sede dell’azienda.

Essendo il lavoro abbastanza grosso, ho deciso di dividere la sua pubblicazione in due momenti: con questo post vedrete le foto che ho scattato a Doha, e in un altro pubblicherò le foto della loro struttura alberghiera e le camere.

Ho deciso di presentarvi qui le foto che ho selezionato io, non sono necessariamente quelle scelte dal cliente, ma quelle che personalmente ritengo possano meglio raccontare la città da me visitata.

Il mio primo giorno di shooting risulta con mia immediata disperazione ventoso e con la sabbia che riempie l’aria. Non è per niente la giornata ideale per scattare foto, soprattutto per i panorami. Decido allora che la prima tappa del mio vagare sarà il Souq Waqif, un mercato tipico arabo dove il vento ha meno effetto. Il luogo è trionfo di tessuti e colori sgargianti, spezie, artigianato e anche di volateli, c’è infatti un’intera sezione dedicati agli uccelli da gabbia e ai falchi, che sono una vera passione per per gli abitanti del Qatar.

antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC1871-Edit antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2065 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2284-Edit antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2327-Edit antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2397 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2417-Edit antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2513 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2564 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2584 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2587 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2642 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3359-Edit antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3375 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3414DohaIl giro al mercato mi ha assorbito totalmente, i baretti dove bere un te caldo o fumare il narghilè sono invitanti ma sono troppo impegnato a fare foto, devo anche ammettere che questo mercato, e in generale Doha, è una vera sfida. La macchina fotografica non è assolutamente la benvenuta tra i locali, le donne non possono essere fotografate (si rischia persino la galera), i bambini è meglio evitarli, e gli anziani e i mercanti (le facce più interessanti) reagiscono davvero in malo modo quando punti l’obiettivo. In alcuni casi non vogliono nemmeno che venga fotografata la loro mercanzia. La cosa più divertente di questa difficile situazione lavorativa sono le donne del luogo: sono coperte dalla testa ai piedi, hanno persino i guanti, gli unici millimetri di pelle scoperta sono quelli intorno agli occhi, e in alcuni casi coprono persino quella parte con degli occhiali nerissimi; è divertente vedere alcune di loro che, appena si accorgono del mio obiettivo puntato, con scatto rabbioso alzano il braccio per coprirsi il viso. Ma cosa copri?! mi chiedo io. Hai persino gli occhiali scuri su quel sacco nero che ti copre interamente! sto solo fotografando un involucro di stoffa nera, nient’altro, non ti si può riconoscere, cosa cavolo copri?!

Alla fine le foto che riesco a fare sono in maggioranza frutto o di velocità di scatto o di chiacchierate e tanti sorrisi per riuscire a conquistarsi il permesso di scattare. Mi gioco anche la carta dell’italiano amico di tutti i popoli ma non pare funzionare moltissimo.

Alla fine sono davvero distrutto, il vento è calato del tutto, l’aria sembra si sia ripulita e una luna meravigliosa è spuntata a consolarmi, il Fanar (la torre che ospita il Centro Culturale Islamico del Qatar) si erge meravigliosamente con la luna gigante di sfondo. antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_AAA2398-Edit-EditDoha

Il giorno dopo il meteo non è ancora dei migliori, sebbene il vento sia meno teso di ieri la visibilità non è soddisfacente. Mi aggiusterò, cercherò comunque di portare a casa delle foto decenti, scelgo ancora una volta delle strutture architettoniche e rinvio i panorami ad altro giorno (sperando che le condizioni meteorologiche migliorino).

La mia prima tappa è il Villaggio Culturale di Doha, un grande complesso architettonico di nuovissima costruzione interamente dedicato alla cultura, plessi per mostre, esibizioni, gallerie, workshop, scuole e tanto, tantissimo spazio. Insomma, il sogno di ogni artista. La struttura è nuovissima e ancora non è stata riempita di contenuto. Penso a quanta arte abbiamo noi e alla mancanza di fondi e di luoghi in buone condizioni per esporla. Qui è esattamente il contrario, hanno spazio e soldi in eccesso, ma non hanno il patrimonio artistico che abbiamo noi.

antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2748 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2775 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2786 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2799A seguire è la volta del centro commerciale “Villaggio”, una cattedrale dello shopping che ricostruisce Venezia con i suoi canali e la sua architettura tipica. Sebbene sia impressionante la realizzazione di una Venezia in miniatura nella desertica regione arabica, il posto è troppo posticcio per i miei gusti, e anche qui ho qualche problema a scattare foto per mancanza di disponibilità da parte delle persone a farsi ritrarre.

antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_AAA2110Immediatamente dopo vado a visitare la Torre Aspire, chiamata anche Torcia di Doha, per la sua tipica forma. Si tratta di una torre di 300 metri che è al momento la costruzione più alta in Qatar. Da lì si può godere della vista del Parco Aspire, un oasi di verde nella distesa di giallo che va verso il deserto.

antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2849 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_AAA1944 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_AAA1935-Edit

Il vento sta calando anche oggi e mi dirigo verso la moschea IImam Muhammad ibn Abd al-Wahhabb, detta anche la Moschea di Stato. Quando arrivo è in corso la preghiera, cerco di essere il più discreto possibile e, visto le pessime reazioni che ho avuto in generale da parte della gente per la mia macchina fotografica, mi aspetto di essere aggredito da un momento all’altro. Invece, con benvenuta sorpresa, mi accorgo che la gente qui non è per niente infastidita dalla mia presenza anzi, mi incoraggiano ad entrare e a scattare. Parlo con qualcuno e capisco che moltissimi sono stranieri, si tratta di musulmani che hanno percorso anche grandi distanze per visitare questa moschea. Era ora che potessi scattare un po’ più tranquillo!

antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2869 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2887-Edit antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2917 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2933 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2973 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2998 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3004 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3021 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3039 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_AAA2001 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_AAA2019-Editantoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_AAA2024-EditSoddisfatto rientro in città.antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC2875

Il terzo giorno di scatti a Doha è fortunatemente una bella giornata con visibilità decente. Scelgo di scattare in giro per la città dove protagonisti sono i grattacieli, e passeggio anche lungo la Corniche, la caratteristica passeggiata che per chilometri segna la baia di Doha. Qui è interessante vedere le sagome bianche degli uomini e nere delle donne che si stagliano su uno sfondo fatto di mare, barche tradizionali arabe chiamate ‘dhow’, moto d’acqua e grattacieli. Tradizione e modernità che si sovrappongono.antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3587-Edit antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3521 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_AAA2269 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3590 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3633 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3639 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3705 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3709 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3756 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3775-Edit antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3789 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3798 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3812 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3842-Edit antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3852-Edit antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3862 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_AAA2363-Edit antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3958DohaCala la sera e sebbene sia stanchissimo, rimango in giro a fare qualche scatto notturno.

antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3492 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_AAA2224DohaIl quarto e ultimo giorno ho poco tempo da dedicare alla fotografia, devo organizzare la trasferta nella parte desertica dove fotograferò il Sealine resort. Ho giusto il tardo pomeriggio e la sera, decido dunque di recarmi presso La Perla, una zona residenziale di Doha con tanto di negozi, ristoranti, appartamenti da sogno e un porticciolo con yacht da nababbi, il tutto che riproduce l’architettura di Venezia, questa volta però all’aperto. Venezia piace tanto agli arabi!

antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3901 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3916 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3890 antoniopistillo.com_14NovembreKataraHospitality_DSC3921

La sera ho la possibilità di salire in uno degli alti palazzi della Perla e dal piano più alto fotografo il golfo. Qui due scatti in momenti diversi:

Katara Hospitality Katara Hospitality

E qua un timelapse del crepuscolo:

Questa è Doha come l’ho vista in 3 giorni e mezzo di scatti.

In un questo post potete vedere le foto delle strutture alberghiere in Qatar che mi hanno commissionato di fotografare e il mare e il deserto intorno:

http://www.antoniopistillo.it/sealine-beach-resort/

 

P.S.

Se questo articolo ti è piaciuto lascia un commento e/o metti un ‘like’ sui social e condividilo affinché anche gli altri possano leggerlo, grazie.

4 Comments on “Doha

    • Grazie, i complimenti da parte dei colleghi hanno sempre peso doppio!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>